• Facebook Prima Pappa
  • Instagram Prima Pappa
  • Luca Di Giammatteo

Come si deve fare se è necessario integrare il latte materno?



  1. L’integrazione con il latte artificiale si dovrebbe dare solo su indicazione del vostro pediatra una volta che è stato fatto ogni tentativo per consolidare un efficace allattamento al seno. Se si deve integrare l’ideale è farlo dopo la poppata, ed  è importante usare un ausilio alternativo al biberon compatibile con l’allattamento (bicchierino, cucchiaino, o altri dispositivi consigliati da esperti). I latti in polvere non sono sterili: il batterio Enterobacter sakazakii per esempio si trova normalmente nell’ambiente e può contaminare la polvere del latte nel momento della sua preparazione nelle fabbriche ed è  impossibile essere certi di averlo eliminato.  È molto importante quindi seguire alcune regole, raccomandate dall’Oms,  per una corretta preparazione del latte in polvere: •    Il latte in polvere dovrebbe essere sempre preparato al momento dell’utilizzo (una poppata per volta) •    Bisogna lavarsi le mani con acqua e sapone e poi asciugarle. •    Occorre versare l’acqua in un contenitore ben pulito per farla bollire. •    Una volta bollita l’acqua il contenitore va coperto e la polvere va aggiunta quando la temperatura dell’acqua è scesa a 70 gradi (quindi non bisogna attendere più di 30 minuti). Esistono comunque prodotti in commercio che facilitano questo passaggio come il https://www.amazon.it/Tommee-Tippee-Perfect-Macchina-preparazione/dp/B00OB25IQY/ref=as_sl_pc_qf_sp_asin_til?tag=010a74-21&linkCode=w00&linkId=617aea85d941bf81e06a5fb3dc2a4b6e&creativeASIN=B00OB25IQY Questo è molto Importante per eliminare i Batteri! •    Si deve mettere in un biberon sterilizzato la quantità di acqua necessaria per sciogliere la polvere e aggiungere l’esatta quantità di polvere indicata nella confezione; non bisogna mai aggiungere una quantità diversa (in più o in meno) da quella indicata. •    Occorre poi chiudere il biberon e agitare bene il contenuto. •    Il latte va poi raffreddato rapidamente, fino ai 37 gradi, mettendo il biberon in un recipiente con acqua molto fredda e somministrato dopo averlo testato sul dorso della mano (è meglio non usare il microonde, il rischio di ustionare involontariamente il bambino è molto alto). •    Il latte che rimane non deve essere riscaldato una seconda volta e va buttato se non è stato consumato entro due ore. •    Se siete fuori casa l’acqua bollente e la polvere devono essere trasportati separatamente in u termos ben chiuso, e mischiati al momento dell’uso. •    Dopo l’uso gli strumenti usati per l’alimentazione vanno puliti e sterilizzati.



294 visualizzazioni

© 2019 Prima Pappa di Di Giammatteo Luca | tuaprimapappa@pec.it | P.IVA 02052030679